.
Annunci online

Arriva il bando per i giovani. Quartu non perda l'occasione
post pubblicato in Diario, il 12 gennaio 2021


“Il Comune di Quartu non perda questa occasione offerta dal bando “Fermenti in Comune”: al momento non risulta pubblicizzata questa opportunità sul sito comunale. È stata prorogata la scadenza al 29 gennaio e pertanto, nel caso non fosse già stato fatto, l’amministrazione comunale potrà rimettersi in carreggiata e approfittarne”, è quanto dichiara Michele Pisano, capogruppo di Fratelli d’Italia in Consiglio comunale a Quartu Sant’Elena.

“L’avviso pubblico è rivolto ai giovani e al loro protagonismo all’interno dei propri territori, attraverso specifiche proposte progettuali. Il 20 dicembre 2019, ormai più di un anno fa, è stato stipulato un accordo tra Dipartimento per le politiche giovanili e servizio civile universale della presidenza del Consiglio dei Ministri e l’Anci. L’obiettivo è l’utilizzo della quota del fondo per le politiche giovanili attraverso il bando, attuazione dell’accordo suddetto, chiamato “Fermenti in Comune”, prosegue Michele Pisano.

“L’Anci ha destinato 4 milioni e 960mila euro per mettere in campo progetti ideati da giovani al fine di sviluppare tematiche sociali attraverso azioni positive. Il periodo attuale sta purtroppo mettendo in panchina un’intera generazione e le politiche per la gioventù dovrebbero essere in cima all’agenda di governo dei territori, affinché si possa contribuire in maniera determinante allo sviluppo delle proprie comunità”, continua Pisano.

“Il bando – come ha dichiarato il presidente Anci Antonio Decaro – è in continuità con il precedente bando “Fermenti”; attraverso queste risorse nazionali si intende promuovere sfide sociali legate a determinate aree tematiche, come per esempio, tra gli altri, formazione, cultura, ambiente e benessere, con un coinvolgimento attivo dei Comuni italiani, dei giovani e dell’associazionismo. A essere finanziate saranno – stando a quanto dichiarato dai promotori – ben 50 progettualità comunali”, prosegue Pisano.

“Il tutto si sviluppa attraverso la procedura avviata dall’ANCI tramite specifiche risorse, con apposita domanda di partecipazione, proposta progettuale, progetto, soggetto beneficiario, intervento e associazioni temporanee di scopo. La particolare specificità del bando intende mettere in evidenza – tra l’altro – l’importanza della riqualificazione urbanistica, sociale e culturale del territorio, coinvolgendo anche le periferie. Sarà il Comune stesso a dover presentare la proposta progettuale in partenariato con associazioni, in particolare giovanili, enti privati e altri partner pubblici, compresi altri Comuni o associazioni temporanee di scopo costituite da enti del Terzo Settore”, continua Pisano.

“L’invito che faccio all’amministrazione comunale è di non perdere questa occasione e creare subito le condizioni affinché la rete associazionistica locale - e in particolare i giovani – siano informati dell’opportunità. A tal proposito sarà importante pubblicizzare il bando attraverso il sito e sarà opportuno delegare un apposito ufficio comunale a seguire le procedure, in modo che il Comune possa raccogliere eventuali manifestazioni di interesse per l’individuazione di partner di progetto e rilanciare le politiche per la gioventù quartese”, conclude Pisano.




permalink | inviato da Michele Pisano il 12/1/2021 alle 16:43 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Sfoglia dicembre       
calendario
adv