.
Annunci online

presidente regionale gioventù nazionale, dirigente fratelli d'italia, consigliere comunale
Gioventù in movimento
post pubblicato in Diario, il 16 luglio 2017


Sabato 15 luglio si è svolto a Oristano il primo congresso regionale di Gioventù Nazionale, movimento giovanile di Fratelli d'Italia. È stato eletto presidente regionale Michele Pisano


In questa giornata storica per la destra isolana, una comunità quasi totalmente rinnovata ha deciso di costruire, mattone per mattone, la casa della nostra gioventù.

Grazie all'appoggio dei dirigenti e degli iscritti, avrò la responsabilità di accompagnare il movimento in questo percorso. Abbiamo attraversato decenni di storia italiana in qualità di destra giovanile, ma in realtà, la nostra esistenza, ha radici ben più profonde. Affondano nella civiltà millenaria europea, nel cristianesimo, nella tradizione delle nostre comunità.

Sarà possibile tutto questo attraverso la consapevolezza di essere liberi. Libertà intesa come saper scegliere cosa sia il bene per l'Italia e per la persona che abbiamo accanto, in un mondo che ha paura delle certezze e si spinge sempre di più verso il relativismo più bieco. Abbiamo il compito, con decisa semplicità, di affermare che due più due fa quattro, e che le foglie sono verdi d'estate, come diceva Chesterton. Non siamo affascinati da strane alchimie, da carrierismo e arrivismo.

Abbiamo il dovere di non rimanere chiusi nella nostra individualità. Nessuno di noi può bastare a sé stesso. C'è bisogno di riallacciare i nodi di un percorso comunitario, di un racconto che canta la lealtà,l'amicizia, il senso di amore per la propria terra e il rispetto per il prossimo.

Ecco, penso che questa storia possa iniziare nuovamente se saremo in grado di seguire due semplici ma concrete linee guida. La prima, è ritrovare il piacere di conoscere realmente i nostri territori e tornare a parlare ai giovani delle piccole e delle grandi comunità locali così come all'interno delle scuole e delle facoltà universitarie. La seconda è quella di riappropriarci della nostra realtà di persone, consapevoli che i percorsi in solitaria non hanno vita lunga.

È necessario riabbracciare una comunità in movimento che parli a tutti, e che abbia al suo interno voci diverse, profonde, che sappiano ricercare il buono che c'è in questo mondo. Tutto questo per un vincere più grande, il bene dell'Italia, libera, forte, prospera.

In alto i cuori!

Michele Pisano


Primarie delle persone e delle idee. Proviamoci
post pubblicato in Diario, il 27 gennaio 2015


L’argomento delle primarie rilanciato questi giorni merita una breve riflessione. Il tema è stato rilanciato dal sindaco Mauro Contini auspicando un coinvolgimento nella scelta del candidato e nella formazione dei programmi. 

Questo strumento di democrazia partecipativa non è mai riuscito pienamente a coinvolgere tutti. Per certi versi anche a ragione. Chi definisce le primarie come strumento che sia panacea di tutti i mali sbaglia. Ci sono molteplici aspetti contradditori, ma qui rischierei di scivolare su argomentazioni di principio e di pratica senza guardare al punto. 
Tralasciando quindi i fattori specifici, e argomentando esclusivamente su Quartu Sant’Elena, terza città della Sardegna, ricordo che è uno dei pochissimi centri amministrati da una coalizione non di sinistra, e la cui amministrazione punta a essere riconfermata per altri cinque anni.

Ritengo che laddove ci sia un sindaco uscente sia politicamente naturale la ricandidatura di quest’ultimo. Non è però tabù svolgere le primarie, anzi. Costituirebbero un  elemento di forza, soprattutto se svolte in un ambiente in cui il coinvolgimento della base o del semplice cittadino è sempre stata rimandata. 

La proposta di svolgerle nella nostra Città è da tenere in considerazione. Ovviamente senza far passare troppe settimane e vanificare tutto. Il mio invito è di discuterne. 
Evito le frasi fatte, “per il bene della città” ecc. Meglio andare alla questione vera e propria. Vogliamo ricostruire un’alleanza che si è naturalmente andata a sciogliersi anche, e secondo me soprattutto, per motivi fisiologici in quanto tutto il quadro politico dal 2010 a oggi è mutato drasticamente? Si vuole ricostruire un progetto amministrativo con le forze che ci hanno accompagnato in questi anni e con nuovi soggetti civici e partitici? Io penso che sia doveroso provarci. 

È per questo che chiedo ai colleghi di maggioranza, a quelli di “non maggioranza” e a quelli che al momento sono distanti, di fare un tentativo. Sono quindi d’accordo alla formazione di un tavolo politico del centrodestra che riparta da Quartu. Parlo appunto di formazione e di ripartenza, perché le dinamiche cambiano e bisogna adattarsi all’attuale periodo. E penso inoltre che mettere in piedi un processo partecipativo sia un elemento ulteriore che arricchisce chi ha il compito di amministrare la città.

Proviamoci allora. Primarie delle persone, delle idee. Perché no?


Michele Pisano
Consigliere Comunale di Fratelli d'Italia 
Città di Quartu Sant’Elena 
Voto agli studenti all'estero, Pisano e Piludu firmano iniziativa ESN
post pubblicato in Diario, il 22 dicembre 2014


Un'inedita alleanza trasversale tra Fratelli d'Italia e Partito Democratico. I due consiglieri comunali più giovani del Consiglio comunale di Quartu, Michele Pisano, 26 anni, e Francesco Piludu, 33, hanno firmato stamattina la proposta di legge di iniziativa popolare per consentire l'esercizio di voto per i cittadini italiani temporaneamente domiciliati negli Stati membri dell'Unione Europea.

«Invece che attuare la politica dispendiosa dei rimborsi è doveroso permettere ai ragazzi che fanno un'esperienza di mobilità internazionale il diritto di voto» spiega Michele Pisano, rappresentante in aula di Fratelli d'Italia. «Per questo aderiamo e promuoviamo in maniera trasversale la campagna “GenerazioneSenzaVoto”. Un'esperienza all'estero oggi è parte di un percorso di formazione indispensabile, ed essere parte integrante dell'Unione Europea non dovrebbe pregiudicare i diritti da cittadini italiani».

Gli fa eco il consigliere Pd Francesco Piludu: «Riconoscere il diritto di voto alle ragazze e ai ragazzi presenti all'estero, siano essi in Erasmus o per motivi lavorativi, è un dovere politico e sociale. Tutti, senza distinzioni, dobbiamo impegnarci per raggiungere questo traguardo, sia qui in città che in Regione, e sopratutto a livello nazionale». «Nelle prossime settimane - aggiunge Piludu - intensificheremo con tutti gli altri giovani amministratori della “Generazione Erasmus”, quelli nati negli anni '80, la sensibilizzazione di questa proposta di legge di iniziativa popolare».

I Consiglieri stanno coinvolgendo i colleghi consiglieri di entrambi gli schieramenti e invitando i cittadini a recarsi al primo piano del palazzo municipale per firmare.
«Erasmus opportunità non solo per giovani ma anche per territori Sardegna»
post pubblicato in Diario, il 23 ottobre 2014


«L'Ordine del Giorno sulla Mobilità internazionale giovanile presentato da Paolo Truzzu, e approvato dal Consiglio Regionale è di grandissima importanza per la Sardegna e in particolare per tutta l'area vasta di Cagliari», dichiara Michele Pisano, consigliere comunale di Fratelli d'Italia e già assessore alle Politiche Giovanili di Quartu Sant'Elena.


«L'Odg, una proposta di Fratelli d'Italia, impegna la Giunta Regionale a convocare un tavolo con le associazioni che si occupano di giovani e mobilità all'esterno. Da quest'anno le potenzialità di questo settore si sono moltiplicate grazie al progetto Erasmus Plus 2014 - 2020, che offrirà opportunità a milioni di giovani europei», prosegue Pisano.


«Anche i comuni possono sfruttare le occasioni che l'Europa garantisce ai giovani, e sono convinto che gli enti locali, e in particolare l'area vasta di Cagliari e il comune di Quartu Sant'Elena stesso, possano dare un impulso positivo in tal senso e potenziare la propria offerta. Ciò significherebbe sviluppare tutta una serie di servizi, fruibili da un ampio mercato giovanile che studia a Cagliari durante il periodo di soggiorno Erasmus. Tali progetti non si esauriscono con la vita universitaria: un giovane, durante i suoi mesi di permanenza, o settimane nel caso di progetti di breve termine, intende conoscere il territorio ospitante. La Regione, dunque, si faccia promotrice di questo tavolo di discussione al fine di potenziare una rete utile alla crescita dei singoli studenti e al giusto sviluppo dei territori», conclude il consigliere di Fratelli d'Italia.

Ciclabilità Su Siccu, Pisano: «Occasione per promuovere il nostro territorio agli amanti delle due ruote in Europa»
post pubblicato in Diario, il 9 ottobre 2013


«La pista ciclabile di Su Siccu è uno dei progetti legati a un discorso più ampio sulla ciclabilità. Uno snodo che collega Cagliari con Molentargius e Quartu Sant'Elena, che saprà offrire un servizio in un contesto territoriale affascinante.... Dovrà essere occasione per incentivare il marketing e la promozione dell'area vasta anche a fini turistici, raggiungendo gli amanti delle due ruote provenienti da tutta Europa.»

È quanto ha dichiarato l'assessore alla Gioventù e Internazionalizzazione del Comune di Quartu Sant'Elena, Michele Pisano, intervendo in occasione dell'inaugurazione della pista ciclabile di Su Siccu.
Pisano: «Risparmio energetico e contenimento spesa pubblica. In Municipio opera di sensibilizzazione»
post pubblicato in Diario, il 7 ottobre 2013


Quartu Sant’Elena, 7 ottobre 2013 – Stop ad apparecchiature e luci e "dimenticate" accese in Comune: «il risparmio energetico si può garantire anche attraverso semplici comportamenti individuali». Con una lettera indirizzata i giorni scorsi a tutti i dirigenti comunali il neoassessore al Personale, Michele Pisano, invita «a estendere ai dipendenti l’invito a razionalizzare quanto più possibile il consumo di energia, soprattutto se assorbita da luci e apparecchiature elettroniche non necessarie o dimenticate accese». «L'obiettivo – spiega l'assessore Pisano – è sensibilizzare i lavoratori del Comune di Quartu Sant’Elena coinvolgendoli e facendoli sentire parte attiva di un processo di risparmio energetico del Palazzo Comunale». «Si tratta di un'opera di sensibilizzazione che si inserisce nel quadro delle iniziative poste in essere dall'Amministrazione comunale volte a garantire il Risparmio energetico», aggiunge, ricordando  la recente adozione del Piano di Azione per l’Energia Sostenibile (PAES) da parte del Comune di Quartu. L'auspicio è che «tutti i lavoratori comunali, così come i cittadini, comprendano la necessità di risparmiare l'energia, non solo per rispetto dell'ambiente, ma anche in considerazione dell'elevato costo attuale dell’energia». «Molto si può fare anche attraverso semplici gesti: credo che in questo senso i dipendenti comunali, così come gli stessi amministratori, debbano dare l'esempio».

 
Quoziente familiare
post pubblicato in Diario, il 21 gennaio 2010


Settimana intensa. 
Domani, venerdì, sarà in Sardegna in Sindaco di Roma Gianni Alemanno. 
Alle 14:30 terrà una conferenza stampa all'aeroporto di Elmas. 
Alle 16:30 si sposterà a Carbonia dove ci sarà il Consiglio Comunale allargato, e alle 18 la visita si concluderà con un comizio a Sant'Antioco.

Nel mentre questi giorni c'è grande mobilitazione per l'iniziativa di Identitario.org che propone, così come il Sindaco di Roma, il quoziente familiare. 
In Sardegna i Circoli Nuova Italia hanno aderito compatti.


Sfoglia marzo       
calendario
adv